bann datagest17 gen19 728 90

Chi è Roberto Gentile

rgentile-bn.jpg

R.GENTILE SCRIVE SU NETWORK NEWS

bann m e partners dic2018 160 124

CHI VA E CHI VIENE

IL NETWORK DEL MESE

L’AGENZIA DEL MESE

iryna shevchukmitt logoIryna Shevchuk, giovane ucraina trapiantata a Milano dal 2014, è Resp. Promozione Internazionale (Russia, Ucraina, CIS, Estonia, Lettonia, Lituania) per Explora Milano. Reduce dalla Mitt di Mosca (23-26 marzo 2016), la più importante vetrina turistica dei Paesi dell’Est europeo, ci ha mandato un suo report.

Mitt resta sempre una delle più grandi manifestazioni turistiche in Russia e viene considerata tra le cinque migliori al mondo. L’edizione 2016 è stata la 23ma della serie e ha visto la presenza di 2.056 espositori e 203 destinazioni: tra i nuovi arrivati l’Abcasia (Stato proclamatosi indipendente, tra la Georgia e la Russia), mentre il partner ufficiale della fiera è stato Israele, con la località balneare Eilat. Mitt coniuga b2b e b2c, perché i primi tre giorni è aperta solo agli operatori, mentre il sabato accoglie anche il pubblico. Personalmente ho notato più stand vuoti rispetto all’anno scorso, mentre i visitatori sono tornati a salire, dopo il calo del 2015, a testimonianza del fatto che - sebbene il mercato russo abbia subìto un grosso calo, soprattutto a causa della svalutazione del rublo e delle frizioni politiche, con conseguente fallimento di più di 40 tour operator - gli addetti ai lavori scommettono sulla sua ripresa. Non a caso la Russia ha conquistato il podio come prima realtà, nell’ambito dei Paesi BRIC, per flussi turistici in uscita. Come è vista l’Italia dalla Russia? Cresce la domanda verso i prodotti di nicchia, gli eventi sportivi e culturali, l’enogastronomia e l’arte. La svalutazione del rublo ha colpito soprattutto la classe media, con ovvia riduzione dei consumi, viaggi compresi: probabile ciò comporti un calo di visitatori russi verso il centro-sud Italia, mentre recupereranno facilmente le città d’arte (Venezia, Roma, Firenze) e il nord Italia (Milano, in primis, ma anche i laghi), perché qui il target è quello medio-alto, che comprende anche i molto corteggiati “ultra benestanti” UHNWIs Ultra High Net Worth Individuals. Novità 2016 è l’iniziativa dell’Ambasciata d’Italia a Mosca, che permetterà di richiedere e pagare il visto online (www.latuaitalia.ru), ovviando all’annoso problema delle lungaggini burocratiche nell’ottenere i visti turistici per il Bel Paese. Come va la concorrenza? Beh, fino all’anno scorso le destinazioni top erano Turchia ed Egitto (visto non richiesto, prezzi bassi, proposte “all inclusive”), ma le recenti tensioni fan sì che i due Paesi siano praticamente usciti dal mercato, quindi si aprono inedite possibilità per l’Italia. A patto di saperle cogliere.