Stampa

loca jump the future qgruppo gattinoni palco hiNiente moderatori, stavolta Franco Gattinoni ha fatto da vero mattatore alla convention “Jump to the future”, sottotitolata “Il coraggio di osare”, che ha accolto 600 partecipanti e 400 agenzie affiliate a Gattinoni Mondo di Vacanze al Pollina Resort (ex villaggio storico Valtur) di Aeroviaggi, vicino Palermo. In occasione della plenaria del sabato mattina il presidente è stato sul palco per quattro ore, ha fatto da speaker e moderatore, ha dato il ritmo e incalzato gli ospiti (Giuliano Gaiba di Eden Viaggi, Andrea Moscardini di Francorosso/Alpitour, Marco Peci di Quality Group, Stefano Pompili di Veratour, Leonardo Massa di MSC, Carlo Schiavon di Costa Crociere, Flavio Ghiringhelli di Emirates, Armando Muccifora di Thai Airways e infine l’unica donna, Emiliana Limosani di Alitalia).Dopo il messaggio video dell’astronauta Umberto Guidoni (“Coraggio, visione e investimenti fanno raggiungere risultati impensabili”) Gattinoni ha preso spunto da fatto che oggi solo il 25% dei viaggiatori si affida alle agenzie, visto che il 75% opta per il fai-da-te: “Siamo stati bravi a conservare questa percentuale, nonostante tutto, ma adesso ci sono troppi competitor e dobbiamo restare al passo coi tempi, perché la competizione non è più tra player del settore, ma include colossi come Amazon e Google. Per questo abbiamo stanziato due milioni di euro su tecnologia e innovazione”. In prima fila, sopra e sotto il palco, l’affiatato team composto da Sergio Testi, Sabrina Nadaletti, Alberto Alberi, Mario Vercesi, Antonella Ferrari, Isabella Maggi, Eros Candilotti, Michela Bellomo, Sandro Ferrari, Amanda Schüpbach e dalla new-entry Lorenzo Chisena. In platea Massimo Caravita di Marsupio Group, a proposito del quale Gattinoni ha detto: Dopo l’acquisizione - non prevediamo alcuna integrazione, Gattinoni e Marsupio sono due realtà parallele che perseguono obiettivi comuni; creeremo valore aggiunto per le nuova agenzie e non solo, anche per altre realtà, se capiteranno”. A conclusione dei lavori, per chiudere in allegria, il comico Giovanni Vernia, che - saputo della presenza di Alitalia - non si è risparmiato. La cronaca più fedele dell’evento è quella di Gabo Simmini de l’agenzia di viaggi (clicca qui). Una convention come Gattinoni ha ormai abituato agenzie, partner e media.