bann blunet gen17 728 90

Chi è Roberto Gentile

rgentile-bn.jpg

R.GENTILE SCRIVE SU NETWORK NEWS

CHI VA E CHI VIENE

IL NETWORK DEL MESE

L’AGENZIA DEL MESE

libero-su-uvet_31oct14.jpgVabbè, di turismo i quotidiani nazionali scrivono poco e male, presi solo dal girotondo degli inutili Ministri del Turismo (clicca qui) e dalla triste vicenda di italia.it. Ma basterebbe un po’ di attenzione per evitare di scrivere cretinate come questa. Da Libero del 31 ottobre 2014: “Uvet annuncia 250 assunzioni nei prossimi tre anni per il progetto Personal Travel Specialist”. Ecco le dichiarazioni di Luigi Porro, responsabile del progetto PTS “Si tratta di una iniziativa per i titolari di agenzia alla caccia di nuovi business e stufi dei costi di gestione. In sostanza il Personal Travel Specialist potrebbe attirare anche quella parte della vendita tradizionale che fatica a sostenere la struttura dei costi fissi tradizionali. I professionisti di valore devono restare all’interno del mercato e, con il nostro progetto, possono trovare nuovi spazi di attività. Ma in fondo parliamo anche ad ex agenti di viaggi che vogliono tornare a esercitare la professione. E PTS potrebbe coinvolgere anche banconisti con esperienza che hanno deciso di lavorare in maniera indipendente”. Previsto un semplice contratto di collaborazione e tanta voglia di trottare, altro che 250 assunzioni... "L'idea è di prendere 10 Personal Travel Specialist al mese" puntualizza Porro "per arrivare a 100 entro il 2015".

 

the_daily_q.jpgChe l’editoria sia in crisi non ci sono dubbi. Quella tradizionale perde lettori e fatturato da anni, ma anche quella digitale non se la passa bene (vedi la vicenda di The Daily, il magazine progettato per essere fruito solo su iPad, lanciato dalla News Corp di Rupert Murdoch nel 2011 e chiuso il 15 dicembre 2012, crollato sotto decine di milioni di dollari di perdite). Anche i trade magazine (dal glorioso TTG allo storico l’agenzia di viaggi, da Guida Viaggi a Travel Quotidiano a Trend) fanno fatica a tenere i conti in ordine, schiacciati dal fisiologico calo di lettori delle edizioni cartacee e dalla contrazione degli investimenti pubblicitari. Giusto, quindi, che la pubblicità vada dove vanno i lettori, ovvero on line. Ma l’effetto è il seguente: stamattina, 19 dicembre 2012, nella mia inbox ho 10 newsletter provenienti dai magazine di cui sopra, ma solo 4 sono “vere”, cioè contengono notizie e informazioni. Le altre 6 (ovvero il 60%) si chiamano sempre col nome della testata, seguito però da “Promo” o “Promotion”. Cosa sono?! DEM, ovvero Direct Email Marketing, ovvero pubblicità. Nulla di male, ma 4 su 6 promuovono lo stesso, identico inserzionista, che evidentemente ha comprato DEM da tutte le testate on line. Tutte e 4 cestinate, senza neanche aprirle.

 

networkn-loghetto.gifnon è una testata giornalistica, ma una newsletter compilata sulla base di notizie, comunicazioni e rumors ricavati anche - ma non solo - dalla stampa di settore. Testate come TTG e Quotidiano Travel, Trend e Guida Viaggi, l’agenzia di viaggi e Il Giornale del Turismo sono lette da tutti gli addetti ai lavori. Questa rubrica cerca di evidenziare la notizie mai pubblicate, o ridotte a un trafiletto. E di spiegarne il perché.

 

luggage-overload.jpgSi chiama “sindrome da eccesso di informazioni” o “sovraccarico cognitivo”, ma suona meglio in inglese (information overload): si verifica quando si ricevono troppe informazioni (il web contribuisce) per sceglierne una specifica sulla quale focalizzare l'attenzione e riuscire a immagazzinarla. La subiamo tutti i giorni e non lo sappiamo neanche, ma basta un esempio pratico. Lunedì 26 ottobre nella mia casella di posta sono arrivate:  cinque newsletter (Travel Quotidiano, Guida Viaggi No Stop, l’agenzia di viaggi, TTG, Master Viaggi) con rispettivamente 21 + 49 + 15 + 27 + 34 notizie pubblicate, 146 in totale; 5 newsletter promozionali (TTG per il Costa Rica, l’agenzia di viaggi per Air France). Totale, 150 notizie. Nella mia cassetta postale, lo stesso giorno, sono arrivati tre magazine: Turismo & Attualità con 81 articoli, TTG Italia con 26 articoli e Trend con (bontà sua) 5 articoli e una cover story. In totale, 113 articoli su carta. La sera di lunedì 26 avrei quindi dovuto immagazzinare 151 + 113 = 264 tra lanci, news e articoli. Tra queste, solo Ventaglio era citata otto volte (!). Domande, due: si rendono conto gli editori che nessun addetto ai lavori leggerà mai 264 notizie al giorno, cioè 1.300 a settimana, 5.265 al mese?! Si rendono conto gl’inserzionisti (t.o., compagnie aeree & C.) che le loro costose pagine pubblicitarie e i loro (meno) costosi banner sono annegati in un minestrone assolutamente indigesto?!

(Roberto Gentile, autore di networkn-loghetto.gif ).

 

 

turismo-attualita.jpgCaro Gentile,
ho letto con molto interesse il suo commento sul sovraccarico cognitivo... Il dubbio di eccedere nelle informazioni, ci accompagna quotidianamente, ed è per questo motivo che ogni giorno, monitoriamo ogni pagina, ogni articolo, ogni newsletter ed ogni e-mal marketing che inviamo (solo su espressa richiesta dell’utente), al fine di capire dove volge l’interesse dei nostri utenti.

È per questo stesso motivo, che solo in casi eccezionali, inviamo nella stessa giornata più di una informativa, ed è per lo stesso motivo che a volte, a nostro discapito e nostro malgrado, siamo costretti a rifiutare invii per conto di clienti (a pagamento), che desiderano utilizzare le e-mail marketing in modo sconsiderato. Sono 32 anni che operiamo nel settore, e se le risorse tecnologiche avanzano, cerchiamo di essere al passo con i tempi, con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto.

L’utilizzo di internet, rappresenta per noi una risorsa dal valore inestimabile, offrendoci la possibilità di studiare il comportamento degli utenti nei confronti dei nostri prodotti. Opportunità che fino ad oggi, con il solo settimanale cartaceo, non era possibile sfruttare. Come Lei ben saprà, infatti, la stampa di settore (trade), non registra, se non in piccole percentuali, abbonamenti a pagamento.  Dal punto di vista professionale e personale, editare un settimanale d’informazione, per il quale quasi nessuno è disposto a sottoscrivere un abbonamento (dal valore di 10,00 euro), non è affatto gratificante, se consideriamo la passione che redazione piccole come le nostre impiegano ogni giorno per preparare, in mezzo a tante difficoltà (anche economiche, se consideriamo le inserzioni pubblicitarie come l’unico introito), prodotti d’informazione per le agenzie di viaggio.  Oggi invece, l’utilizzo di internet, ci ha permesso di pubblicare il settimanale anche nella versione sfogliabile (http://rivista.turismo-attualita.it/2009/29), attraverso l’acquisto di una piattaforma che si distingue da molte altre, grazie proprio alla possibilità di monitorare ogni azione che l’utente compie durante la navigazione del giornale. Grazie ad internet inoltre, abbiamo potuto realizzare la piattaforma che gestisce corsi di formazione on line per agenti di viaggio, che con grande soddisfazione, in soli due anni, ha registrato 3.500 agenti di viaggio iscritti ai vari corsi da noi gestiti. E non ultimo, venerdì pomeriggio abbiamo aperto la pagina “T&A Adv Training” su Facebook, dove gli agenti di viaggio iscritti ai vari corsi di formazione, possono interagire tra loro (http://www.facebook.com/home.php?#/pages/TA-Adv-Training/174357556812?ref=ts).

Per concludere, pur comprendendo “il fastidio” che si può dare con l’invio di un numero sempre crescente di informazioni, cerchiamo di non perdere mai di vista i nostri obiettivi, ma soprattutto quelli dei nostri clienti, proprio per evitare che i nostri sforzi economici, ma soprattutto quelli dei nostri clienti, “anneghino in quel minestrone, assolutamente indigesto...”

Roberta D’Amato
Direttore Generale Turismo & Attualità
www.turismo-attualita.it

loghetto-youtube.pngIn un momento non facile per il mercato turistico soffrono ovviamente anche le testate giornaliste dedicate al trade, che subiscono un feroce taglio degli investimenti pubblicitari. Ma siccome la necessità aguzza l’ingegno e se non ci si dedica al web 2.0 si è out, allora da qualche mese a questa parte è un florilegio d’iniziative che vedono la migrazione in video. Video on the web, ovviamente, visto che le iniziative su satellite e dintorni si sono rivelate fallimentari. Ha iniziato Trend, diretto da Marzia Bertacca, con Trend TV www.trendtv.it; ha seguìto Guida Viaggi di Paolo Bertagni, con Guida Viaggi TG www.guidaviaggi.tv; ha appena esordito l’agenzia di viaggi, testata storica guidata da Cristina Ambrosini, con l’agenzia di viaggi TV www.lagenziadiviaggi.tv. networkn-loghetto.gif si trasforma nel critico televisivo del Corriere, Aldo Grasso (bravo anche in video, vedi su  video.corriere.it ) e giudica i risultati della discesa on the web. Positivi, non  fosse altro per il coraggio d’investire su un nuovo canale. Negativi, quando le notizie lette on air sono un “copia e incolla” di quelle già pubblicate on line e sul cartaceo; quando i video delle destinazioni sono gli stessi, visti e rivisti 1000 volte su YouTube; quando le interviste all’imprenditore di turno sono esercizi di piaggeria e di amplificazione dei (supposti) successi dell’azienda stessa; quando le luci sono sbagliate, l’audio si sente male e la speaker ha dimenticato di andare dal parrucchiere. Promossi, ma con debiti da riparare.